nike sneaker air max Chi portò Michael Jordan alla Nike

nike air max selber erstellen Chi portò Michael Jordan alla Nike

La sezione dello sport di USA Todayha provato a ricostruire la vicenda che portòalla firma di Michael Jordan, probabilmente il giocatore di basket più famoso di sempre, con la Nike: un contratto considerato storico nelrapporto tra atleti e marchi di abbigliamento sportivo. Firmatonel 1984, il contratto ha portato alla nascitadi Jordan ( dal soprannome diMichael Jordan), la famosa linea di abbigliamento e calzature Nikepensata per i giocatori di pallacanestroche ancora oggi fattura per la l miliardi di dollari all e ha fatto di Jordan un del marchio. Strasser è morto; Moore lo attribuisce invece a Vaccaro e a Strasser. Jordan, invece, dice che fututto merito di Raveling (che è decisamented con lui).

La versione di Michael Jordan

Jordanracconta di non essere mai stato particolarmente Moncler Jacke Damen Billig attrattoda Nike e dalle sue scarpe, anzi, di non averle proprio mai indossate prima di firmare il contratto. Si considerava più tipo da Adidas o Converse che a quel tempo erano le marche che andavano per la maggiore nel basket. In quel periodo Nike aveva già sotto contratto diversi giocatori importanti, come George Iceman GervineTruck Robinson, eppure Nike non era ancora associata al basket ma solo alla corsa: il marchio a cui ambireper i giocatoriera piuttostoConverse, che vantava gentedel calibro di Julius J Erving.

A Usa TodayJordan ha detto che a convincerlo a prendere in considerazione Nike fu Raveling, a quel tempo vice allenatore della squadra olimpica in cui era stato convocato e anche allenatore della squadra di basket BilligMoncler Jacke Damen dell dell in qualità della quale aveva firmato un contratto di sponsorizzazione con Nike. Durante la preparazione alle Olimpiadi, fu Ravelinga insistere con Jordan perché incontrasseVaccaro, che all era il consulente della sezione basket per Nike. Dopo quell però Jordan non cambiò idea.

La versione di George Ravelling

Coincide praticamente con quella Moncler Jacke di Jordan, aggiungendo alcuni particolari. Ravelling ha spiegato a Usa Today dovere di accuratezza fu Sonny Vaccaro a chiedere di fissare un incontro con Jordan. Raveling però si attribuisce il merito, fondamentale, di aver vinto più volte la riluttanza di Jordan: come sappiamo l avvenne, a Santa Monica, esempre Ravelling avrebbe consigliato a Nike di non mollare la presa e insistere per invitarlo a visitare la sededell dalla trama principale, ma che potrebbe aiutare lacomprensione dei meccanismi contigenti, c anche il fatto che Vaccaro e Ravelling erano molto amici in quel periodo, tant che Ravelling gli fece da testimone al suo primo matrimonio; i loro rapporti si incrinarono nel 1990 per delle discussioni relative alreclutamento del giocatore di basket Ed O’Bannon, una delle promesse delle scuole superiori di quel tempo.

La Canada Goose Damen versione di Sonny Vaccaro

Sostanzialmente la versione di Sonny Vaccaro riportata a Usa Todayè che Knight mente, Michael mente ancora di più, Raveling è matto e tutti e tre vogliono distruggerlo. Vaccaro si definisceil salvatore di Nike. Lo stesso Jordan ha detto di aver avuto l che Strasser non sapesse che tipo di persona e giocatore fosse allora, ma che stesse semplicemente cercando qualcuno su cui puntare.

La storia di Vaccaro con Nike ha però anche un retroscena più ingombrante: Vaccaro fulicenziato da Nike nel 1991, senza spiegazioni pubbliche, e in seguito a quell raggiunseStrasser e Moore inAdidas: a loro volta se ne erano andati da Nike qualche anno prima. Oggi i due non hannopiù rapporti.

La versione di Peter Moore

Moore dà ragione a Vaccaro. In una mail inviata sempre a Usa Todayspiega che è tipico di Nike sentire Billig Canada Goose Sale versioni diverse di una storia, a seconda di chi la racconti. Moore dice che furono Strasser e Vaccaro a parlare con Jordan e i suoi genitori, convincendolo a firmare con Nike e rendendolo cosìl del marchio che sarebbe diventato negli anni.

Secondo Moore senza Vaccaro non ci sarebbe Air Jordan, insomma: non solo Nike non avrebbe firmato con lui, ma probabilmente non l’avrebbe nemmeno inseguito, scegliendo probabilmente Patrick Ewing.
nike sneaker air max Chi portò Michael Jordan alla Nike