nike air max 1 honeycomb Cresciuti del 40 per cento gli atteggiamenti ostili ai musulmani

air max 1 nike id Cresciuti del 40 per cento gli atteggiamenti ostili ai musulmani

Capita che da un giorno all’altro, senza alcuna ragione comprensbile, uno scolaro scopra che i compagni lo guardano non giocano più con lui, lo mettono da parte. E capita anche che, quando trova la forza di domandare la ragione di quei comportamenti, si senta dire cose come: dei terroristi, ammazzate la gente Frasi Parajumpers Herren Billig con tutta probabilità sentite a casa, dai genitori che la sera prima commentavano ad alta voce le notizie del telegiornale. Frasi false e assieme autentiche perché pronunciate senza filtri, senza mediazioni, senza ipocrisie, da bambini che parlano ad altri bambini: bambini italiani che parlano a coetanei di origine araba, bambini di famiglie cattoliche che parlano a bambini di famiglie musulmane.

Foad Aodi, medico, presidente della Co mai (Comunità del mondo arabo in Italia) si dice Perché questi episodi segnalati sempre con maggiore frequenza rivelano che l’ostilità nei confronti degli arabi e dei musulmani cresce nonostante tutti gli sforzi, anche i più coraggiosi, fatti per marcare la distanza e la condanna più ferme del terrorismo. Sforzi riconosciuti dal governo itaiano, dalle autorità diplomatiche francesi, che evidentemente non sono noti a molti cittadini italiani. appena elaborato racconta una statistica aggiornata delle segnalazioni Moncler Sale che giungono agli sportelli regionali della nostra associazione. Sono vicende in apparenza che però hanno il potere di rivelare quanto è avvelenata l’aria. La maggior parte di esse (il 40 per cento) avviene nei luoghi di incontro giovanili, le scuole e le associazioni sportive. Non è un caso che il primo interlocutore istituzionale a cui la Co mai ha deciso di rivolgersi sia il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini. C’è il rischio che i semi dell’odio e della xenofobia semi dai quali germoglia la base di reclutamento degli estremisti trovino il loro terreno più fertile proprio nei luoghi dove i cittadini italiani si formano.

Ma accade anche altrove: nei luoghi di svago come le discoteche e i bar (il 15 per cento) e sui mezzi di trasporto pubblico, sui treni e sugli aerei. Anche qua si parla di frasi pronunciate a mezza voce, di improvvisi cambi di posto, di sguardi sospettosi suscitati da un velo sul capo o da una barba troppo lunga. facciamo nulla per incentivare queste segnalazioni e queste lamentele continua Aodi al contrario facciamo sempre presente che non tutto va interpretato in modo negativo e che uno sguardo insistente non è necessariamente un segno di ostilità data tot p=9 data count p=5>Le segnalazioni vengono filtrate e analizzate, alcune non vengono prese in considerazione. Ma la tendenza generale resta evidente e trova riscontro in altre indagini che, per esempio, dicono che a Parigi, dopo la strage allo Charlie Hebdo, gli episodi che possono essere inquadrati nella categoria della islamofobia sono aumentati del 60. In molti di questi comportamenti c’è la xenofobia in senso letterale: una del diverso innescata dalla ferocia degli eventi. Ma da noi, dove per fortuna eventi di quella gravità non se ne sono verificati, c’è dell’altro: il linguaggio della politica, il modo in cui l’informazione lo asseconda.

Lo scorso 21 gennaio, la Co mai ha (in collaborazione con il movimento Uniti per unire e il giornale on line La Svolta) ha organizzato un’iniziativa alla quale hanno partecipato delegazioni delle ambasciate arabe (Arabia Saudita, Egitto , Palestina, Yemen), l’ambasciatore della Lega araba in Italia, il consigliere consolare francese. Nel’occasione, Foad Aodi ha illustrato i dieci punti di in my Billig Moncler Jacken name così si chiama il manifesto della comunità araba contro l terrorismo.

Il documento non solo contiene una condanna totale della violenza, ma anche proposte molto pratiche finalizzate a tenere alla larga gli estremisti. Come quella di istituire un albo degli imam operanti in Italia con l’obbligo di pronunziare la kobta, la preghiera, anche in lingua italiana. Il no alle cosiddette fai da te è deciso, inequivocabile. Anche perché un altro 25 per cento delle segnalazioni di atteggiamenti ostili verso i musulmani viene, oltre che dai luoghi di lavoro, proprio alle aree vicine alle moschee ricavate in garage e in altri luoghi di fortuna.

Si tratta di richieste coraggiose, che espongono i loro autori a dei rischi. Tutti i tentativi di migliorare la convivenza tra cittadini di religioni diverse, infatti, sono visti con ostilità dagli estremisti che nuotano a meraviglia nel mare dell’odio e della diffidenza. E trovano dei formidabili alleati in esponenti politici che, in apparenza, tentano di accreditarsi come i loro più duri avversari. Canada Goose Herren Aodi definisce Moncler Jacken il segretario della Lega Nord Matteo Salvini persona politicamente più pericolosa oggi in Italia. I suoi messaggi razzisti verso arabi e musulmani servono solo a guadagnare qualche voto E a consolidare comportamenti che nulla hanno a che fare con la sicurezza e rischiano di vanificare gli sforzi di chi, nel mondo musulmano, si batte per la convivenza pacifica tra le religioni e il rispetto delle leggi dei Paesi occidentali.